News

Tolentino Basilica di San Nicola
21 Set

COSA VEDERE IN PROVINCIA DI MACERATA

Cosa vedere in provincia di Macerata: tra borghi storici, conventi e abbazie

Come in tutta la regione Marche, anche nell’estesa provincia di Macerata avrete l’opportunità di visitare cittadine e borghi storici affascinanti e molti luoghi di interesse da non perdere.

Tra le cose da vedere in provincia di Macerata c’è senz’altro Tolentino, al centro della vallata del Chienti e a metà tra la costa e la zona montana. Grazie ai ritrovamenti archeologici, si può affermare che la storia della città parte circa dal IV sec. (epoca picena) e arriva fino all’età moderna. A Tolentino potrete visitare la Basilica di San Nicola con annesso convento agostiniano e biblioteca Laurenziana oltre al Museo Napoleonico e al Museo della Caricatura e dell’Umorismo che promuove la Biennale dell’Umorismo nell’Arte, manifestazione internazionale a cui partecipano artisti e vignettisti satirici da tutto il mondo. A 15 km dal centro, vi consigliamo una visita all’abbazia di Chiaravalle di Fiastra, fondata dai monaci cistercensi nel XII secolo; intorno ad essa si estende anche una Riserva Naturale. Lasciata Tolentino potete recarvi a Recanati, paese natìo di Giacomo Leopardi ed in cui è possibile visitare la sua casa natale, Palazzo Leopardi, tuttora abitato dai suoi discendenti. Spostandosi all’interno,verso sud-ovest, troviamo la cittadina di Camerino, famosa soprattutto per la sua università fondata in età medievale ed ancora in parte situata all’interno di palazzi storici (la facoltà di Giurisprudenza si trova nel Palazzo Ducale, del ‘400) ma in cui potete visitare anche la Basilica di San Venanzio, preziosa testimonianza di architettura tardo-gotica.

cosa vedere in provincia di macerata

Urbisaglia

Da vedere in provincia di Macerata suggeriamo Urbisaglia, il cui nome deriva dall’antica città romana di Urbs Salvia nata, infatti, come colonia romana nel II secolo a.C. Vale la pena visitare il parco archeologico di Urbs Salvia, il più esteso delle Marche ed anche la Rocca, collegata alla zona archeologica perché la fortificazione militare dell’inizio del Cinquecento venne costruita inglobando resti di precedenti strutture medievali, a loro volta erette in corrispondenza di mura romane ancora oggi visibili. Se volete rendere il vostro percorso più “naturalistico” potete scoprire il lago di Fiastra, specchio d’acqua artificiale realizzato negli anni ’50, dove è possibile praticare molte attività sportive all’aria aperta come pesca sportiva, tiro con l’arco, trekking, volo con parapendio e molto altro, oppure effettuare tour in barca e rilassarsi sulle spiagge del lago.

Leave a Reply