News

mosciolo di Portonovo
7 Set

IL MOSCIOLO DI PORTONOVO

Il tradizionale mosciolo di Portonovo

Nel dialetto anconetano il termine mosciolo o mosciulo è la storpiatura del termine muscolo, utilizzato per indicare il mollusco bivalve chiamato comunemente cozza in italiano corrente. Il mosciolo è un prodotto molto utilizzato in tutta la zona del Conero e Portonovo è uno dei paesi in cui rappresenta un prodotto tipico della cucina locale. Ovviamente, questo mollusco in sé, non è certamente difficile da trovare anche nel resto d’Italia ma il mosciolo di Portonovo in particolare e di tutta la costiera anconetana in generale, ha la particolarità di essere uno dei pochi, in Italia, che si riproduce spontaneamente e non in allevamento, come succede quasi sempre alle comuni cozze che provengono dalle miticolture, ed in quantità tali da poter essere pescato e venduto.

La presenza del mosciolo di Portonovo nelle Marche, è testimoniata sin dai primi decenni del secolo scorso e la storia della loro pesca ha conosciuto periodi altalenanti e tecniche differenti. Sino al secondo dopoguerra, infatti, le cozze selvatiche venivano raccolte utilizzando delle piccole barche a remi, le batane; negli anni ’50-’60 la pesca del mosciolo si diffuse notevolmente grazie all’interessamento di alcune osterie di Portonovo che li utilizzavano nelle loro cucine ma fu il decennio successivo il periodo di massimo sviluppo della pesca al mosciolo. Oggi questo mollusco è stato riscoperto ed è diventato un prodotto di qualità apprezzato e tutelato tanto che, per far sì che questa specialità sia ben conservata e salvaguardata, è stato creato anche un presidio slow food dedicato esclusivamente al mosciolo selvatico. Oltre a ciò la pesca dei moscioli è rigorosamente regolamentata e bisogna aspettare che crescano liberi sui loro scogli prima di raccoglierli. Ogni anno, di solito nel mese di giugno, c’è anche un’intera festa, chiamata “Mosciolando”, dedicata a questa specialità.

I moscioli si possono trovare tanto nei ristoranti quanto nei bar che spesso li offrono accompagnati da un bicchiere di vino bianco. È ancora diffusa l’usanza, soprattutto tra i pescatori, di gustare il mosciolo di Portonovo appena pescato ma esistono molte ricette, rintracciabili anche su internet, per cucinare questo mollusco tra cui, quella più diffusa, è “alla marinara”, che consiste semplicemente nel farli aprire in pentola e condirli con olio, aglio, prezzemolo e pepe. Nei ristoranti delle Marche ed in particolare di Ancona, sono molti i piatti a base di moscioli che si possono provare ma vi suggeriamo anche di assaggiarli preparati nella maniera più semplice possibile, con una spruzzata di limone e poi direttamente…in bocca!

Leave a Reply