Torna l’appuntamento con le visite guidate in occasione delle Giornate Fai d’Autunno: saranno due i weekend organizzati dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) per scoprire tantissimi luoghi italiani e innamorarci ancora una volta del nostro bellissimo paese.

17 e 18 Ottobre – 24 e 25 Ottobre. Quattro giornate per permettere a tutti di visitare in totale sicurezza i luoghi che verranno scelti.

Le Marche partecipano a quest’iniziativa con 20 città sparse sul territorio e ben 35 aperture a contributo libero.

Tantissimi tesori da scoprire e riscoprire che torneranno alla luce grazie alle Giornate Fai d’Autunno.

Molte strutture sono state restaurate, altri complessi sono nel cuore di tutti i marchigiani. Un’occasione imperdibile per fare un viaggio nella storia e nella natura.

Ma vediamo una pratica guida di tutte le aperture previste sul territorio regionale:

 

Ancona

  • Sirolo:
    – l’Abbazia di San Pietro,
    – incisioni rupestri all’interno del Parco del Monte Conero.
  • Ancona:
    il porto Peschereccio al Mandracchio di Ancona,
    – il Mercato Ittico attuale edificato tra il 1946 e il 1949.
  • Loreto:
    – la scala santa,
    – il cimitero Polacco.
  • Fabriano:
    – Castello di Pierosara a Genga.
  • Jesi:
    – antica farmacia dell’ospedale Fatebenefratelli (1757) lungo corso Matteotti.
  • Senigallia:
    – palazzo Augusti Arsilli,
    – Chiesa di San Martino e percorso Mario Giacomelli,
    – Stabilimento Opera Pia Mastai Ferretti (Ingresso esclusivo per gli Iscritti Fai), fondato da Pio IX nel 1857.

Ascoli

  • Ascoli:
    – Il palazzo e la pinacoteca vescovile,
    – il nuovo allestimento del Museo Diocesano,
    – “Albero del piccioni” ovvero un platano che si trova a circa 3 chilometri da Ascoli Piceno e fa parte dell’elenco degli alberi monumentali italiani redatto dal Corpo forestale dello Stato.
  • San Benedetto del Tronto:
    – Il “paese alto”,
    – l’antico castello,
    – “Il Mandracchio e via Laberinto”, una delle strade più antiche,
    – Villa e parco Cerboni Rambelli.

Fermo

  • Moresco:
    – centro storico,
    – Casa Capotosti dove nacque il cardinale Luigi Capotosti.
  • Monte Vidon Combatte:
    – centro storico con il castello che viene chiamato Monte Vidon (Guidone).
  • Collina Vecchia:
    – luogo di straordinaria importanza storica e archeologica.
  • Ortezzano:
    – dimora storica Acciarri,
    – chiesa del Carmine,
    – centro storico.
  • Campofilone:
    – centro storico,
    – Agriturismo Mondomini.

Macerata

  • Cingoli:
    – palazzo Castiglioni.
  • Macerata:
    – istituto di Medicina legale,
    – Museo della goliardia e aula sacrestia
  • Recanati:
    – Chiesa di Montemorello,
    – la chiesa, il convento e l’orto dei frati Cappuccini,
    – La Congregazione dei Nobili nella chiesa di San Vito,
    – Orto sul colle dell’Infinito.

Pesaro Urbino

  • Borgo Pace:
    – abbazia di San Michele Arcangelo a Lamoli di Borgo Pace.
  • Pergola:
    – oratorio dell’Ascensione al Palazzolo, risalente al XV secolo,
    – Chiesa di Santa Maria di Piazza, forse voluta attorno al 1010 da S. Romualdo di Ravenna e trasformata nel 1831,
    – Chiesa di Santa Maria delle tinte.
  • Pesaro:
    – villa Cattani Stuart (Ingresso esclusivo per gli Iscritti Fai).
  • Urbino:
    – Pieve di Santo Stefano di Gaifa,
    – torre Brombolona Canavaccio,
    – Chiesa di San Francesco di Paola.

Fano

– Palazzo Bracci (Ingresso esclusivo per gli Iscritti Fai),
– Chiesa di San Marco del secolo XVIII.

 

 

Potete trovare tutte le informazioni su come prenotare, direttamente sul sito del FAI:

Riscopriamo le Marche e sosteniamo il Fai!

 

  • Scopri le offerte CLICCANDO QUI.
  • Guarda la gallery del nostro Residence CLICCANDO QUI
  • Leggi altri articoli CLICCANDO QUI
  • Se preferisci parlare direttamente con noi, ecco i contatti:
    • 0733/676257
    • 349/8802552
    • info@casaletorrenova.it
Di |2020-10-21T11:36:41+00:00Ottobre 21st, 2020|News|
Torna in cima